Spiritualità e archetipi

Jung riconosce una pulsione archetipica nell’uomo propriamente religiosa, con una sua autonomia e legittimità, una sua funzione e significato specifico, utile all’economia della psiche. La religione sarebbe una necessità psichica proprio perché è la natura stessa della psiche ad essere religiosa. La funzione religiosa è per Jung una forma naturale di espressione psichica alla stessa stregua della pulsione sessuale, dell’istinto di aggressività o della volontà di potenza: «Anche ciò che è spirituale appare nella psiche come istinto, anzi, come vera passione. Non deriva da un altro istinto, ma è un principio sui generis, vale a dire la forma essenziale della forza istintiva» (Jung, 1928).

Accanto alla natura istintiva dell’uomo troviamo, come sottolinea la Jacobi (1973), un polo che forma e sviluppa questa natura primordiale: natura e spirito stanno l’uno di fronte all’altro e costituiscono la base di quella tensione che Jung (1928) definisce energia psichica; la polimorfa primitiva istintualità dell’uomo si contrappone, in questo modo, alla via della formazione della personalità.

Interpretata in questi termini la religiosità e la spiritualità, intesa come forza istintiva costituzionale e archetipica in dotazione a ogni essere umano, possono confluire al di là di quella specifica adesione ai dogmi e ai riti di una confessione culturalmente determinata, e se debitamente riconosciuti e integrati, i simboli religiosi possono portare a quel processo di allontanamento del singolo dell’indistinguibilità e inconsapevolezza del gregge» (Jung, 1934) che Jung auspica per ciascun individuo e che egli chiama sviluppo della personalità.

Scrive Jung (1957) -Dio è un mistero, e tutto ciò che possiamo dire in proposito è qualcosa di detto e creduto da esseri umani. Noi formiamo immagini e concetti, ma quando parlo di Dio intendo sempre l’immagine che l’uomo si è fatta di lui. Nessuno sa come Dio sia o sarebbe un dio egli stesso. Quando Jung parla dell’immagine di Dio nell’individuo fa riferimento al Sé. Il concetto del Se nella psicologia analitica è un concetto complesso e articolato, esso fa riferimento a qualcosa che agisce come principio ordinatore della personalità, ma è riflette la potenziale totalità dell’individuo; talvolta

pio della vita psichica, altre volte parla azione come meta. Non si può, quindi, non pensare al

anza tra il concetto di Sé junghiano e di Dio del libro dell’Apocalisse di Giovanni (Ap 1, 8) dove

qualcosa che agisce come principio ordinatore della anche qualcosa che riflette la potenziale tot Jung parla del Sé come principio della vita psichin della sua realizzazione come meta. Non si pu parallelismo e alla somiglianza tra il concetto di l’immagine di Dio del libro dell’Apocalisse di Dio dice: «Io sono l’Alfa e l’Omega. […] Colui che è, che era e che vier

Per tutta la vita, l’uomo è chiamato a riconoscere, integrare e realizzare il Sé che a lui si manifesta attraverso i sogni, le fantasie l’immaginazione attiva. Lo stesso Jung fa scrivere sul portale della sua casa di Kusnacht le parole dell’oracolo Vocatus atque non vocatus deus aderit, proprio ad indicare l’ineludibilità della manifestazione di Dio.

La spiritualità nel processo di individuazione

Il processo di individuazione è un percorso spontaneo, naturale e autonomo, potenzialmente presente in ogni individuo anche se talvolta il soggetto non ne è consapevole (Jacobi, 1973). Per l’analista junghiano il processo di maturazione e di sviluppo della personalità deve essere un percorso fondante la sua stessa formazione e durante il lavoro analitico, l’analista, deve continuamente ricercarlo, stimolarlo, renderlo cosciente, elaborarlo al fine di definire la propria equazione personale, strumento essenziale per il suo lavoro clinico.

Immaginiamo che il percorso di analisi sia un viaggio e pensiamo all’analista in formazione come ad un viaggiatore; il protagonista della nostra storia dovrà superare molte prove prima di giungere alla meta, durante il cammino incontrerà tanti personaggi con cui sara chiamato confrontarsi, ma nel suo percorso non sarà solo, avrà un compag suo fianco che proverà a dirimere le tenebre e a gioire con luiden Il nostro protagonista è molto motivato e vuole arrivare fino in fondo, sa

strada e lunga e la via è impervia, ma forse quello che non sa è che arriverà alla meta solo se consentirà a Dio di manifestarsi. Come Jung la trasformazione avviene Deo concedente, se è Dio a concederla, mentre sta al soggetto disporsi in un atteggiamento di fede

Ho protagonista si prepara ad intraprendere il viaggio, ha delle remore e dei timori, prova una strana tensione che lo porta a postici la data d’inizio, fino a quando trova il coraggio di mettersi in can L’analisi, probabilmente, comincia ancor prima di intraprendere cammino, comincia quando dentro il soggetto nasce il bisog l’esigenza di scoprire parti di sé più profonde e di iniziare un d es

Mosaico siciliano: desiderio di potere

.

INTRODUZIONE

Norwich definisce la Sicilia come un’isola triste nella introduzione del suo libro “Breve storia della Sicilia” (p 18) La sua ambizione era di analizzarne le cause. Nell’epilogo del libro scrisse “Spero e credo che la Sicilia sia un’isola più felice  adesso” (p 502) Norwich morì poco dopo averla scritta all’età di 85 anni. 
Da questo libro mi è venuta la voglia  di continuare questa analisi di Norwich e magari trovare modi per contribuire a una futura felicità siciliana.
Norwich disse che per un non siciliano come lui, la Sicilia è un mistero (p 19). Può forse una collaborazione normanna e siciliana essere di aiuto?

I  mosaici della Capella Palatina e di Monreale sono il risultato di un lavoro di collaborazione. Questi splendidi esempi mi hanno fatto  scegliere il titolo di questa serie.

Piano di lavoro:

  1. brainstorming:
    1. individuare pezzi importanti del mosaico siciliano 
  2. trarre conclusioni sui singoli pezzi 
  3. completamento del mosaico
  4. Come rendere più felice la Sicilia.

//Stellan

INDICE

.

Appunti

 

.

Sottotitolo 1

 

 

 

.

conclusioni

.

.

Fonti

  1.  

 

SCRIVETEMI

Per favore inserisci di seguito i dati di contatto e un breve messaggio e proveremo a risponderti al più presto.

 

Un’isola per chi ama il creato

.

INTRODUZIONE

 

INDEX

.

Canyon di s Lucia

Il canyon di Lucia chiamato in “Vallone disanta Lucia” è raggiungibile dalla chiesa di Santa Lucia appena fuori dal villaggio principale dell’isola di Lipari.

Ho registrato questo video nel profondo del canyon durante un momento di pausa. Ascolta i suoni. Questo è un posto dove senti solo suoni della natura.

Questo posto mi faceva pensare al  Cantico_delle_creature. di Francesco_d’Assisi . Ecco il testo originale in volgare umbro del XIII secolo.

Nel suo interno ci sono influssi toscani, francesi e anche diversi latinismi. (Fonte:   www.sololibri.net )

La parafrasi del testo è

“Altissimo, Onnipotente Buon Signore, tue sono le lodi, la gloria, l’onore e ogni benedizione.
A te solo, Altissimo, si addicono e nessun uomo è degno di menzionare il tuo nome.

Lodato sii, che tu sia lodato, o mio Signore, insieme a tutte le creature,
specialmente il fratello sole, la luce del giorno, tu ci illumini tramite lui.

Il sole è bello, radioso, e splendendo simboleggia la tua importanza, o Altissimo, Sommo Signore.

Lodato sii o mio Signore, per sorella luna e le stelle: in cielo le hai create, lucenti, preziose e belle.

Lodato sii, o mio Signore, per fratello vento, per l’aria, per il cielo; quello nuvoloso e quello sereno,
rendo grazie per ogni tempo tramite il quale mantieni in vita le tue creature.
Che tu sia lodato, mio Signore, per sorella acqua, la quale è tanto utile e umile, preziosa e pura.
Lodato sii mio Signore, per fratello fuoco, tramite il quale illumini la notte. Il fuoco è bello, giocondo, vigoroso e forte.

Lodato sii, mio Signore, per nostra sorella madre terra, la quale ci nutre e ci mantiene: produce frutti colorati, fiori ed erba.
Lodato sii, o mio Signore, per coloro che perdonano in nome del tuo amore e sopportano infermità e sofferenze.
Beati quelli che sopporteranno tutto questo con serenità, perché saranno ricompensati da te, o Altissimo.

Lodato sii mio Signore per la morte del corpo, dalla quale nessun essere umano può fuggire, guai a quelli che moriranno nel peccato mortale.
Beati quelli che troveranno la morte mentre stanno rispettando le tue volontà. La seconda morte, non farà loro alcun male.

Lodate e benedite il mio Signore, rendete grazie e servitelo con grande umiltà. (Fonte:   www.sololibri.net )

Francis_of_Assisi  pensava che 

il mondo è stato creato buono e bello da Dio … le persone hanno il dovere di proteggere e godere della natura come amministratori della creazione di Dio … “. (Bonaventure (pp. 78–85 

.

conclusione

Spero di condividere altri momenti di riflessione su questa meravigliosa isola.

Per favore inserisci di seguito i dati di contatto e un breve messaggio e proveremo a risponderti al più presto.

 

08. Scicli

.

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati che troverete nel menu sotto Viaggiare – Sicilia-

Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Ragusa –  Scicli
  9. Ragusa -Piazza Armerina
  10. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  11. Palermo Capella Palatina e Monreale
  12. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo

Indice

.

08. Ragusa – Scicli

Dopo una notte a Ragusa abbiamo fatto una escursione a Scicli

Attraverso le cambagne siamo arrivati a Scicli.

 

Era impressionante come Scicli apparve improvvisamente dopo una curva.

   

Nascosta fra le colline appare Scicli.

Cercavamo posti dove fermarci per fare foto.

 

 

Dopo la visita a una chiesa ci siamo fermati a un ristorante.

Conclusione

03. Taormina

.

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati che troverete nel menu sotto Viaggiare – Siclia-

Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Ragusa -Piazza Armerina
  9. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  10. Palermo Capella Palatina e Monreale
  11. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo

Indice

.

03Taormina

Splendida colazione con vista sul mare e l’Etna

  

cof

    

.

Conclusione

11. Palermo – Lipari

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati.Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Ragusa -Piazza Armerina
  9. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  10. Palermo
  11. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo

Indice

8Palermo – Lipari via Cefalù e Milazzo

 

.

Conclusione

11. Palermo Capella Palatina e Monreale

.

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati.Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Ragusa – Scicli
  9. Ragusa -Piazza Armerina
  10. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  11. Palermo Capella Palatina e Monreale
  12. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo

Indice

.

11Palermo –   Cappella Palatina e Monreale

Siamo andati a piedi dal teatro massimo fino alla splendida CAtedrale.

 

Una breve passeggiata

Qui dovevamo salire le scale. Invece abbiamo fatto il giro intorno.

Ma alla fine ci siamo arrivati

 

Dicono che il Gesù Pantocratore di Cefalù è più bella.

    

.

Conclusione

10. Piazza Armerina – Palermo via Enna

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati.Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Ragusa -Piazza Armerina
  9. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  10. Palermo
  11. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo
  12.  

Indice

.

9. Piazza Armerina – Palermo via Enna

Qui non abbiamo fatto molte foto. Abbiamo preso l’Autostrada per Catania dove volevamo fermarci a mandare a Ikea. Visto che ci eravamo persi l’uscita per Ikea abbiamo proseguito a pancia vuota per Siracusa dove siamo arrivati nel tardo pomeriggio.

.

Conclusione

09. Ragusa -Piazza Armerina

Introduzione

Ho fatto un primo viaggio in Sicilia con la mia macchina insieme a una amica.

Ogni itinerario sarà descritto in post separati.Questa è una mappa con le destinazioni dei diversi tragitti numerati da 1 a 6:

  1. Lipari – Milazzo
  2. LMilazzo –  Taormina via Falcone, Novara di Sicilia e  Madrazzi 
  3. Taormina
  4. Taormina – Escursione  a Acireale e Acitrezza
  5. Taormina – Siracusa
  6. Siracusa
  7. Siracusa – Ragusa via Avola, Noto e Modica
  8. Scicli
  9. Ragusa -Piazza Armerina
  10. Piazza Armerina – Palermo via Enna
  11. Palermo
  12. Palermo Lipari via Cefalù e Milazzo
  13.  

Indice

.

09. Ragusa -Piazza Armerina

Dopo due notti e la visita a Scicli abbiamo continuato il nostro viaggio. Ogni tanto ci fermavamo per muoverci un poco le gambe. Era un viaggio abbastanza lungo.

TCi fermiamo per riposarci un poco e….

A lato della strada troviamo cocomero asinino in grandi quantità

 

Ora rivedevamo cocomeri in alri luoghi.

 

In lontananza l’Etna

roviamo questa bella fontana communale con acqua pulita ma che non ci fidiamo di bere. La discarica a lato non ci dava fiducia.

 

.

Conclusione